Cosplay N. 73 - Costume 278
Anno di realizzazione: 2007
Tipologia: Servizio fotografico / Disney Show 2007
Personaggi: Snow White

Titolo originale: Snow White and the seven Dwarfs
Titolo in Italia: Biancaneve e i sette Nani
Autore: Disney
 

Tra i tanti cosplay realizzati, Biancaneve non si può dire sicuramente la nostra Principessa preferita, e ariprova di questo, si può dire la "grande esculsa" nel grande progetto Disney di cui ci siamo occupati nel 2007. Detto questo, non potevamo non rendere omaggio a Walt Disney con il cosplay di questa prima e più popolare Principessa, tanto cara all'autore e al suo pubblico.

Il film di Biancaneve infatti segna un grande passo per la storia dell'animazione, in quanto è il 1º classico Disney (secondo il canone ufficiale) ed é il primo lungometraggio prodotto da Walt Disney, tratto dall'omonima fiaba dei fratelli Grimm. Realizzare il semplice vestito giallo e blu di questa Principessa é stato semplice di certo, ma interessante allo stesso tempo, specie quando la nostra modella Valeria lo ha indossato corredato naturalmente dall'immancabile fiocchetto rosso tra i capelli. E' così che come per magia, quella tipica di casa Disney, che la nostra amica ha dato vita immediatamente alla Principessa piú amata da grandi e piccini.

Magic KnightS

 
 
 
 
Un ringraziamente speciale ad Erasmo Ciccarone per l'aiuto alla rielaborazione delle immagini.
MISSION 65: Snow White and the seven Dwarfs (Disney)
     
     
     
     
     
     
     
VALERIA Z.
                                 
 
MK-57·2007
                               

Biancaneve è una bellissima principessa che ha come matrigna la malvagia regina e strega Grimilde. La regina è ossessionata dalla propria bellezza e, temendo che Biancaneve possa un giorno superarla, la veste di stracci e la costringe ad occuparsi delle faccende più umili. Nonostante ciò, Biancaneve crescendo diventa una splendida ragazza, tanto che un giovane principe rimane abbagliato dalla sua bellezza e grazia, innamorandosene perdutamente. Un giorno, interrogando il suo specchio magico per l'ennesima volta, la regina Grimilde si sente rispondere che la più bella del reame non è più lei, bensì Biancaneve. Divorata dall'invidia Grimilde ordina ad un cacciatore di accompagnare la fanciulla nel bosco, con la scusa di raccogliere fiori selvatici, e di ucciderla.

Come prova dell'avvenuta uccisione il cacciatore avrebbe dovuto strapparle il cuore e deporlo in uno scrigno per consegnarlo alla regina. Il fedele cacciatore esegue gli ordini impartitigli, ma all'ultimo momento desiste e decide di non uccidere Biancaneve, raccontandole della sua missione e degli intenti crudeli della matrigna. La esorta infine a fuggire il più lontano possibile.
Persasi nel bosco la principessa viene condotta dagli animali della foresta ad un rifugio sicuro: una casetta deserta dalla strana misura di bambini. Entrando si accorge di tutto il disordine e la polvere che regnava nella casetta, così, con molta buona volontà e con l'aiuto dei suoi amici animali decide di rimettere in ordine, sperando che i suoi piccoli occupanti, al loro ritorno, le avrebbero permesso di restare.

I sette nani, cioè gli abitanti della casetta, una volta tornati dalla loro miniera di diamanti, acconsentono ad ospitarla, rimanendo conquistati dal candore, dolcezza e bontà della principessa. Ma la regina, dopo aver scoperto che Biancaneve è ancora viva, decide di sbarazzarsi della figlioccia in prima persona. Prepara perciò una pozione, che subito beve trasformandosi in un'orribile vecchietta mendicante; prepara altresì una pozione di veleno in cui intinge una mela: il suo scopo era quello di spingere Biancaneve a dare un morso alla mela avvelenata, che l'avrebbe fatta cadere in un sonno mortale. Un solo antidoto l'avrebbe risvegliata dal sonno eterno: il primo bacio d'amore, ma la strega, sicura che i nani l'avrebbero creduta morta e perciò seppellita, non si curò della cosa.
Si dirige quindi alla casetta dei nani e, approfittando della loro assenza (in quel momento al lavoro in miniera) convince Biancaneve a farla entrare in casa. L'ingenua ragazza accoglie l'anziana che, fingendosi grata per la gentilezza rivoltale, le offre la mela avvelenata invitandola ad assaggiare il frutto e raccontandole che se avesse espresso un desiderio e poi morso la mela, il desiderio si sarebbe avverato. Convinta da quelle parole, Biancaneve morde la mela ma, subito dopo, cade in un sonno eterno.

Gli animali della foresta, testimoni di quanto stava accadendo, a loro modo tentano di avvertire i nani del pericolo che stava correndo Biancaneve e subito i nani corrono a casa e arrivano giusto in tempo per vedere la strega fuggire. Capito subito chi si celava dietro a quella vecchietta i nani la inseguono fino in cima ad un dirupo. Arrivata lì cerca di far cadere un enorme masso sui nani ma un fulmine le cade vicino e le fa perdere l'equilibrio e la strega cade nel baratro morendo.

Tornati a casa i nani vedono Biancaneve esanime e la credono morta, ma non trovando il coraggio di seppellirla (come invece aveva supposto la strega), decisero di deporla in una bara di cristallo in mezzo al bosco, dove ogni giorno vegliavano su di lei. Il principe, che nel frattempo non aveva mai smesso di cercare l'amata, appena sentito di questa fanciulla si reca sul posto e lì riconosce l'amata Biancaneve. Subito la bacia e, come annunciato nella pozione, la principessa si risveglia.
Dopo un accorato e commovente saluto ai suoi piccoli amici, Biancaneve sale in sella al cavallo del principe, che la porta al suo castello dove, come nella migliore tradizione delle favole, vissero per sempre felici e contenti.

Tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera.