Cosplay N. 63 - Costume 261 / 263
Anno di realizzazione: 2007
Tipologia: Omaggio a Go Nagai - Napoli Comicon 2007
Personaggi: Regina Himika, Ryuuma Teiou (Signore del drago), Generale Flora

Titolo originale: Kotetsu Jeeg [鋼鉄ジーグ]
Titolo in Italia:
Jeeg robot d'acciaio
Autore: Go Nagai
 

Sicuramente Jeeg robot d’acciaio (Kotetsu Jeeg) è un anime cult per tutti coloro che sono cresciuti col mito dei “robottoni” negli ormai (ahime’) lontani anni 70/80. Quasi tutti noi abbiamo seguito incantanti di fronte allo schermo le avventure di Hiroshi Shiba che lo vedeva opposto alla sua acerrima nemica, la famigerata e perfida Regina Himika, a capo del regno Yamatai. Non c'è nessuno dei suoi fan che almeno una volta non abbia gridato da bambino l'indimenticabile frase “Miwa, lancia i componenti!”.

Quando abbiamo saputo dell’arrivo in Italia del Maestro Go Nagai, creatore di questo cartone animato come pure di tantissimi altri (Goldrake, Devilman, Mazinga, Cutey Honey…) ci siamo lasciati consigliare su quale potevano essere i costumi più appropriati per rendere omaggio a questo grandissimo autore. Abbiamo seguito da subito il consiglio di una cosplayer che noi stimiamo molto, Cris… “fate i cattivi di Nagai!”… e allora, come poter dire di no?... Dunque dopo qualche riflessione, il primo nome che ci venne in mente fu quello di Himika, l'indimenticabile Regina dai lunghi capelli che prendono la forma di una medusa... poi, seguendo questo filo logico arrivammo a realizzare l’Imperatore del Drago e il Generale Flora.

Il lavoro che ci ha visti impegnati nella realizzazione è stato molto duro anche a causa del poco tempo e i numerosi problemi riscontrati durante la produzione dei costumi, e sopratutto la realizzazione dei capelli di Himika e il drago dell’Imperatore, hanno dato parecchio filo da torcere. Il risultato finale a noi, come anche a chi ci ha potuto ammirare, è piaciuto moltissimo… ma la soddisfazione più grande è stata vedere lo sguardo di Go Nagai quando ci ha visti, l'autore di uno dei nostri eroi preferiti è rimasto decisamente colpito!!.

Magic KnightS

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Realizzare questi cosplay ha avuto un'importanza sostanziale per i Magic KnightS, tanto da essere considerato quasi il passo più importante, rispetto ad ogni altro in passato! Tale risonanza non è da attribuirsi tanto alla riuscita dei costumi o all'affezione del gruppo per questi personaggi, quanto alla grande soddisfazione nell'incontrare l'autore di questi costumi, Go Nagai. Per noi è stato´un onore poter mostrare il nostro lavoro al grande Maestr, un uomo che ci ha regalato bellissimi momenti della nostra infanzia con Mazinga Z, Devilman e, ovviamente, con Jeeg Robot! Go Nagai si è dimostrato molto contento del nostro lavoro e questo ci ha ripagati di tutto il lavoro svolto.

 
MISSION 63: Kotetsu Jeeg
     
     
     
     
     
     
     
MASSIMO D.
 
SIMONA C.
 
SERENA S.
                         
 
MK-01·1999
 
MK-02·1999
 
MK-45·2005
                       

Il professor Shiba, noto scienziato giapponese, durante una ricerca archeologica, scopre una antica campana di bronzo appartenuta all'antico popolo Yamatai, soggetto alla perfida Regina Himika. Una popolazione che ha sempre fatto come regola di vita la sopraffazione dell'uomo sull'uomo. Il popolo Yamatai non si è estinto, si è ibernato nella roccia in attesa di ritornare in vita: solo la magica campana di bronzo gli permetterebbe di conquistare il mondo: per questo il professore decide di nascondere la campana e approfittando di un grave incidente di laboratorio in cui viene disgraziatamente coinvolto suo figlio Hiroshi, gli miniaturizza nel petto la campana, rendendolo invulnerabile.

Hiroshi cresce senza essere a conoscenza di tutto ciò; diventa un grande campione di Formula 1. Un giorno durante una corsa egli rimane vittima di un grave incidente automobilistico, dal quale rimane incredibilmente illeso: ma nulla gli lascia intuire la sua invulnerabilità. In quegli stessi istanti rinascono dalle rocce i guerrieri Haniwa, insieme al perfido ministro Ikima, che aggrediscono il professore ferendolo gravemente. Miwa, la sua giovane assistente, lo ritrova e lo riporta morente a casa della sua famiglia, dove morirà fra le braccia del figlio, ma non prima di avergli consegnato una strana collana e un paio di misteriosi guanti. Il professor Shiba ha però creato, prima di morire, un computer dove ha riversato tutta la sua conoscenza: ed è questa che rivela al figlio di potersi trasformare in un robot, Jeeg, il robot d'acciaio, destinato a difendere l'umanità dai perfidi mostri Haniwa.

Arriva il giorno in cui la regina Himika scopre il segreto della campana di bronzo: riuscendo a radiografare dal petto di Hiroshi la campana, ne interpreta le iscrizioni riportate su di essa. Grazie ad esse invoca l' Imperatore del Drago, che si risveglierà dal sonno eterno, ma quest'ultimo, anziché venirle in aiuto, la ucciderà e la sostituirà sul trono.

Da allora, la guerra con Jeeg e gli umani si inasprisce: ma nello stesso tempo, lo stato d'animo dei ministri di Himika, ancora fedeli alla loro regina, crea malessere all'interno dell'impero Yamatai. Mimashi, coraggioso ministro di Himika, aizza il suo popolo contro il Signore del Drago, tentando una rivolta, ma fallisce e ne rimane ucciso. Ikima e Amaso si assoggettano al signore del Drago ma saranno sempre bistrattati da quest'ultimo, che presto li sostituirà con Flora, una giovane guerriera umana che si trova molto vicina al signore del Drago, grata per averle ridato la vita quando da piccola era stata inavvertitamente uccisa durante una battaglia (nella quale i suoi genitori erano rimasti uccisi) mentre cercava di salvare un cucciolo di lupo.

Flora ha sangue umano nelle vene, e non riesce a dimenticare il suo cuore umano. Hiroshi e Flora si incontrano, e subito il giovane si accorge dello stato d'animo di Flora, al punto da cercare di convincerla a tornare sui suoi passi. Il signore del Drago riesce sempre ad averla vinta sui sentimenti di Flora, in nome di quella antica gratitudine. Ma un giorno Hiroshi viene rapito e portato nel regno Yamatai, in quell'occasione Flora capisce i suoi errori e tradisce il suo imperatore liberando Hiroshi. Il tradimento si paga con la morte e la giovane guerriera viene trucidata dallo stesso Imperatore.

La guerra non ha limiti ma l'impero Yamatai, dopo le varie sconfitte, va sempre più indebolendosi. Solo un attacco in massa può portare alla vittoria. Jeeg si difende strenuamente ma con difficoltà al punto di rischiare la disfatta. Il computer della base, il professor Shiba virtuale, si schianta contro il nemico e salva Jeeg da una grave sconfitta. Desideroso di vendicare il padre, Hiroshi riprende fiducia di sé, trovandosi faccia a faccia con il Signore del Drago. Una dura battaglia lo porta a vincere contro il suo acerrimo nemico.

Tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera.